Comitato cuneese acqua bene comune

 

Mercoledì 27 marzo 2019, la Conferenza dei Rappresentanti di Egato4 Cuneese, ha votato la delibera di affidamento del SII in provincia di Cuneo per i prossimi 30 anni, a CoGeSi, società Consortile totalmente pubblica.

Dal 1° luglio 2019 il gestore unico CoGeSi subentrerà agli attuali gestori totalmente pubblici (ACDA, SiSi, CALSO, Infernotto). Per i comuni attualmente gestiti da aziende miste o private il percorso sarà un po' più lungo: ci vorranno circa 15 mesi per concludere le procedure di subentro adottate dall’autorità nazionale ARERA. Stabilito il Valore Residuo di subentro da versare ai gestori uscenti a copertura dei costi di investimento non ancora ammortizzati, il nuovo gestore avrà sei mesi di tempo per regolare i pagamenti ed altri tre per subentrare operativamente. Il tutto si dovrà concludere entro il 31 dicembre 2020.

 Cuneo CGIL ABCCN 580x132

Venerdì scorso 21 dicembre 2018, presso la sede della CGIL di Cuneo si è svolto l'incontro programmato tra la Segreteria Territoriale ed il Comitato Cuneese Acqua Bene Comune. Oltre al segretario generale Masera, erano presenti il segretario ed il responsabile acqua della categoria FILCTEM ed una RSU dell'ACDA. L'incontro era stato precedentemente richiesto dal Comitato per un chiarimento in merito alle motivazioni portate a sostegno dello sciopero indetto dalla categoria per lo scorso lunedì 17 dicembre.

In particolare il Comitato desiderava capire quale era la posizione della CGIL e della FILCTEM in merito alla proposta di legge per la ripubblicizzazione del servizio idrico integrato in discussione in questi giorni alla Commissione Ambiente della Camera (PdL Daga).

Comitato cuneese acqua bene comune

 

In questi pochi giorni che ci separano dalla Assemblea Generale dei Sindaci della Provincia di Cuneo, chiamata a formulare l'indicazione definitiva alla Conferenza d'Ambito Idrico n.4 sulla forma di gestione totalmente pubblica, si è nuovamente fatta incandescente sui giornali la polemica sollevata da alcuni sindaci favorevoli alla gestione mista privata/pubblica.

In questi pochi giorni che ci separano dalla Assemblea Generale dei Sindaci della Provincia di Cuneo, chiamata a formulare l'indicazione definitiva alla Conferenza d'Ambito Idrico n.4 sulla forma di gestione totalmente pubblica, si è nuovamente fatta incandescente sui giornali la polemica sollevata da alcuni sindaci favorevoli alla gestione mista privata/pubblica.

Non ci rimane più molto da dire nel merito delle criticità economiche-finanziare ed operative sollevate da questi sulla gestione pubblica inhouse: tutte sono state ampiamente chiarite e confutate, per chi voleva intendere, nella seduta dell'8 marzo scorso.

Ci permettiamo di portare alla attenzione dei sindaci delle aree del Saviglianese, del Roero, delle Unioni Montane Alta Langa e del Monteregale le percentuali con cui i loro concittadini votarono contro ogni forma di gestione privata nel referendum del 12 giugno 2011.

Clicca sulle immagini per ingrandirle

20180328 AO Saviglianese 580x740

 20180328 AO Roero 580x386  

20180328 AM Monteregale 580x490

20180328 UM Altalanga 580x572

 

Invitiamo tutti i cittadini che hanno “camminato con noi” a presenziare alla assemblea Generale dei Sindaci che si terrà mercoledì 28 marzo alle 16,30 a Cuneo, nella sala Einaudi del palazzo della provincia, corso Dante angolo corso Nizza.

Oggi più che mai si scrive Acqua e si legge Democrazia!

Comitato cuneese Acqua Bene Comune

Cuneo, 26 marzo 2018

 

COMITATO CUNEESE ACQUA BENE COMUNE:tel.3893455739

mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

Leggi l'articolo su La Stampa del 27 marzo 2018

Scarica questo comunicato stampa [pdf, 1,2 MB]

Comitato cuneese acqua bene comune

 

In una recente intervista Bruna Sibille, sindaca di Bra e presidente dell'Ente di Governo dell'Ambito Idrico n.4 del cuneese (EGATO4), ha espresso con chiarezza encomiabile la sua definitiva scelta per la gestione pubblica dell'acqua nel nostro territorio. Scelta del resto condivisa dalla grande maggioranza dei 250 sindaci della provincia di Cuneo, che si concretizzerà con la votazione all'Assemblea Generale del prossimo 8 marzo.

Eppure ci sono ancora diversi sindaci, in prevalenza dell'area del Roero e dell'Alta Langa che pensano ed agiscono perché si attui una forma di gestione mista privato-pubblica che loro ben vedrebbero agita dall'attuale compagine societaria legata al gruppo Egea.
Proprio in questi giorni è all'attenzione dei media nazionali il caso del recupero sulle tariffe degli utenti delle perdite accumulate dalle aziende di distribuzione e produzione dell'energia elettrica italiane a seguito del fallimento di diverse aziende di vendita dell'energia stessa che avevano incassato dagli utenti tali somme e si erano “dimenticate” di riversarle ai naturali destinatari!

Un eclatante esempio di come l'introduzione dei principi del libero mercato nei servizi pubblici locali sia il motore trainante della privatizzazione dei profitti e della socializzazione delle perdite.

Anche le aziende private e miste del settore idrico cuneese si erano rese responsabili negli anni scorsi dell'omissione del riversamento all'EGATO4 delle somme incassate per il ripristino idrogeologico dei territori montani. Solo a seguito di un nostro intervento, è stato accertato il fatto ed è stato possibile per i comuni montani disporre di oltre 7 milioni di fondi pregressi.

Ai sindaci delle due aree sopra citate vogliamo ricordare, e rendere noto a tutti i cittadini, che il fatto, pur nella sua diversità, è figlio della stessa logica che ha causato quello del settore elettrico sopra citato: i soldi regolarmente versati dai cittadini sulle bollette sono stati trattenuti per un lungo periodo da quelle aziende mentre i Comuni, la Provincia e la Regione erano costretti a stanziare notevoli somme per la protezione idrogeologica del territorio.

Proprio a questo sistema volete ridare la gestione?

Noi crediamo proprio di no e di conseguenza pensiamo che quanti tra voi erano stati tendenziosamente informati da soggetti interessati alla gestione mista si schiereranno per la gestione pubblica inhouse su tutto il territorio provinciale.
Convinti di questo vi invitiamo a partecipare alla serata di festeggiamento e presa di coscienza per il raggiungimento di questo fondamentale traguardo impensabile solo fino a meno di tre anni or sono.

L'evento si terrà a Cuneo giovedì 15 marzo 2018, presso il locale La Birrovia nel caseggiato della vecchia stazione ferroviaria Cuneo-Gesso.

Si inizierà alle 19,30 con un'apericena in musica e si proseguirà con la proiezione di un filmato e la condivisione delle tappe del percorso che hanno portato cittadini ed amministratori a costruire insieme questo risultato. A giorni sarà diffuso il programma dettagliato della festa. Intanto invitiamo tutti i cittadini che hanno “camminato con noi” a presenziare alla assemblea Generale dei Sindaci che si terrà giovedì 8 marzo alle 16,30 a Cuneo, nella sala Einaudi del palazzo della provincia, corso Dante angolo corso Nizza.

Oggi più che mai si scrive Acqua e si legge Democrazia!

Comitato cuneese Acqua Bene Comune

Cuneo, 26 febbraio 2018
COMITATO CUNEESE ACQUA BENE COMUNE: tel.3893455739
mail: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.