Risposta di Nicoletta Dosio alla lettera che le avevamo spedito il 1° gennaio 2020, dopo aver partecipato al "veglione" della notte del 31 dicembre davanti al Carcere delle Vallette a Torino. Evidentemente la censura carceraria ha dilatato i tempi . Noterete che Nicoletta è ancora rinchiusa nella sezione "nuove giunte" : un cunicolo da cui può uscire solo 6 ore su 24.  In una cella normale avrebbe almeno qualche possibilità di movimento fisico."
 Per aggiornamenti visitate il sito: https://www.nicolettadosio.it/
Se le scrivete (Carcere Lorusso e Cutugno, via A. Aglietta 35, 10149 Torino), allegate un francobollo per la risposta. Nessun altro allegato, verrebbe sequestrato.
Noi per ora  -  e finché Nicoletta non sarà liberata - ci siamo dat* l'impegno di volantinare almeno una volta la settimana, nell'intervallo di mezzogiorno dalle 13,10 alle14 la nostra solidiarietà e richiesta di amnistia. Il prossimo: mercoledì 5 febbraio, ore 13.10 - 14 a Porta Susa, fermata Metro.

 

Le Vallette, 26/1/2020

Carissima Mariangela,

che gioia per me ricevere la tua lettera! Anche se non ci vediamo di frequente, ci vogliamo bene e portiamo avanti la stessa lotta: questo conta.

Mi commuove la notizia della tanta solidarietà nei miei confronti. In realtà io non sono che l’infinitesima parte di una resistenza antica e sempre nuova contro la mercificazione dell’essere umano e della natura, di un bisogno mai spento di libertà e giustizia sociale.

Questo mio ultimo passo è in sintonia con l’impegno di tanti e non sarebbe stato possibile senza il sostegno e la condivisione di tutti.

Ma questa mia esperienza si ridurrà a semplice testimonianza se non segnerà un sia pur minimo contributo all’azione concreta e irriducibile di tutti coloro che non ci stanno a fornire “carne da cannone”, materia prima della guerra tra poveri su cui il sistema fonda il proprio potere, la propria violenta cecità.

Credo che le tante esperienze di lotte sociali e ambientali debbano più che mai mettersi insieme, unire le forze, creando una forte stagione di conflitto e di progetto.

Per quanto mi riguarda, questa nuova tappa di vita mi permette di conoscere concretamente quanto prima conoscevo in via teorica: il mondo degli umiliati e offesi, degli ultimi di cui sono piene le carceri, e di chi si ribella al sistema.

Sono ancora nella sezione “nuove giunte”, una sezione “chiusa” diciotto ore su ventiquattro.

Qui approdano tante storie di donne : storie di violenze subite, di prostituzione, di tossicodipendenza. Tante le rom e le migranti. Tante piangono per i figli lasciati ai parenti, in situazioni più che mai precarie.

Un’umanità sofferente che spera nell’amnistia e chiede per il dopo una casa, un lavoro decente, una vita dignitosa.

Cara Mariangela, il carcere è davvero istituzione finalizzata unicamente al controllo sociale, la risposta repressiva a quei diritti che tante costituzioni sanciscono, ma che restano lettera morta.

Se c’è solidarietà fra queste mura, viene dalle detenute, senza fronzoli, a volte un po’ burbera, ma sempre pronta a dare una mano a chi sta per affogare.

Il resto è violenza, non di botte, ma di cancelli chiusi, di inferriate e reti, di regolamenti applicati arbitrariamente, della perdita della dimensione spazio-temporale in un mondo senza orologi né ritmi naturali.

E tuttavia anche qui sono serena e determinata, perché c’è la vostra grande solidarietà che mi sostiene e perché, da questa prospettiva, mi riesce facile “sentire concretamente sulla mia propria guancia lo schiaffo dato a chiunque, da qualunque parte del mondo”.

Un grande abbraccio a te e a voi tutti.

Arrivederci presto, sulle barricate.

Nicoletta

Leggi la lettera originale [.pdf, 273 KB]

20200126 LETTERA NICOLETTA p1

 

20200126 LETTERA NICOLETTA p2

facebook 1577782970885

La giustizia non è tale quando diventa strumento di repressione. L'arresto di Nicoletta Dosio è un atto fuori misura, il gesto scomposto di un potere che non sa accettare il dissenso.
A Nicoletta e a tutti gli attivisti/e che ovunque subiscono misure sproporzionate ricordiamo con un abbraccio le parole di Gandhi: prima ti ignorano, poi ti deridono, poi ti combattono, poi vinci.

Diminuzione del desiderio sessuale. Le persone con un basso desiderio sessuale (un basso tasso di desiderio sessuale) sono sensibili agli effetti collaterali del https://italianafarmacia24.com/merce/cialis-originale-online.html perché il colpisce anche altre parti del corpo.

Aderiamo all’iniziativa di questa sera 31 dicembre 2019, poco prima di mezzanotte, davanti al carcere delle Vallette, per brindare – vicino a Nicoletta – alla sua coerenza e alla lotta per difendere il futuro di tutti/e noi.

Torino, 31 dicembre 2019

Comitato provinciale Acqua Pubblica Torino

Basaglia H2oto AttacTo

Via Mantova 34, 10153 Torino

 

“La lingua dell’Europa è la traduzione

Umberto Eco

 

Corso di tedesco per principianti

                                                                                       

Il rispetto della diversità linguistica è un valore fondamentale dell’Unione Europea come lo è il rispetto e l’accettazione dell’altro. La ragione della scelta europea del multilinguismo,  e non di una lingua franca, risiede nella natura stessa dell’Unione:  essere unita nella diversità dei circa 490 milioni di cittadini che la compongono.

L’apprendimento di lingue diverse dalla propria è quindi lo strumento fondamentale per il consolidamento dell’unione delle diversità.

 Ancor oggi però, molti di noi conoscono poco o nulla delle altre lingue europee

 Una docente universitaria di lingua e letteratura tedesca ci offre ora la possibilità di un

 

corso di 10 lezioni di lingua tedesca  per principianti

che si svolgerà ogni martedì a partire dal 26 marzo fino al 28 maggio 2019  dalle ore 17,30 alle 19,00  

nella saletta Bandolo del Caffè Basaglia - via Mantova 34, Torino

 

Numero dei partecipanti : min 10 – max 20

Il corso è gratuito. Verrà chiesto un rimborso spese generali e per il materiale didattico.

 

Chi è interessato/a  scriva o telefoni entro il 15 marzo 2019 a : 

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  cell 388 8597492       

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  cell. 347 944 3758 

Torino, 10 marzo 2019

Basaglia H2oto AttacTo

Il rispetto della diversità linguistica è un valore fondamentale dell’Unione Europea come lo è il rispetto e l’accettazione dell’altro. La ragione della scelta europea del multilinguismo,  e non di una lingua franca, risiede nella natura stessa dell’Unione:  essere unita nella diversità dei circa 490 milioni di cittadini che la compongono.L’apprendimento di lingue diverse dalla propria è quindi lo strumento fondamentale per il consolidamento dell’unione delle diversità.

 

Corso di tedesco per principianti

 

Superato il numero minimo di 10 iscritt*,  possiamo dare avvio al corso di base di lingua tedesca.

Le preferenze finora espresse sono andate al giorno di martedì.

Accertato che un locale del Caffè Basaglia sarà riservato alle nostre lezioni dalle ore 17,30 alle 19 per n.10 martedì a partire dal 26 marzo prossimo fino al 28 maggio 2019, vi comunichiamo che la prima lezione si terrà

martedì 26 marzo dalle ore 17,30

nella saletta Bandolo del Caffè Basaglia – via Mantova 34 – 10153 Torino

 

bus  68 – 19 -  fermata: Campus Einaudi

Bus 6

direzione Piazza Carlo Felice – Fermata 2293 Campus Einaudi – Lungo Dora Firenze

direzione Hermada – Fermata 3244 Ingresso Campus Einaudi   – Lungo Dora Siena

Dedicheremo la prima mezz’ora del 26 marzo alle formalità e seguirà subito dopo la prima lezione.

Per comunicazioni, chiarimenti ecc: scrivere o telefonare a

                                                                                       

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  cell 388 8597492

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.  cell. 347 944 3758

Torino, 14 marzo 2019

….Alle Menschen werden Brüder,

Wo dein sanfter Flügel weilt…

 

Schiller, L.van Beethoven :Ode an die Freude