Stemma Avigliana

Il Comune di Avigliana (TO), per dare attuazione alla volontà popolare espressa dai referendum del 12 e 13 giugno 2011 e per sostenere la delibera di iniziativa popolare per la trasformazione di SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico, ha chiesto, con la Delibera del 13 febbraio 2014, che la nuova azienda venga costituita.


Al Sindaco di Avigliana Angelo Patrizio e ai Consiglieri che hanno approvato all'unanimita' la delibera, va il nostro riconoscimento di aver rispettato la volontà popolare e di aver onorato il loro compito istituzionale di amministratori pubblici nell’interesse della collettività.

Stemma Venaus

Il Comune di Venaus (TO), per dare attuazione alla volontà popolare espressa dai referendum del 12 e 13 giugno 2011 e per sostenere la delibera di iniziativa popolare per la trasformazione di SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico, ha chiesto, con la Delibera del 14 febbraio 2014, che la nuova azienda venga costituita.


Al Sindaco di Venaus Nilo Durbiano e ai Consiglieri che hanno approvato la delibera, va il nostro riconoscimento di aver rispettato la volontà popolare e di aver onorato il loro compito istituzionale di amministratori pubblici nell’interesse della collettività.

Stemma Bussoleno

Il Comune di Bussoleno (TO), per dare attuazione alla volontà popolare espressa dai referendum del 12 e 13 giugno 2011 e per sostenere la delibera di iniziativa popolare per la trasformazione di SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico, ha chiesto, con la Delibera del 10 febbraio 2014, che la nuova azienda venga costituita.


Al Sindaco di Bussoleno Anna Maria Allasio e ai Consiglieri presenti che hanno approvato all'unanimita' la delibera, va il nostro riconoscimento di aver rispettato la volontà popolare e di aver onorato il loro compito istituzionale di amministratori pubblici nell’interesse della collettività.

Comunita' Montana Valle Susa e Val Sangone

La Comunita' Montana Valle Susa e Val Sangone, per dare attuazione alla volontà popolare espressa dai referendum del 12 e 13 giugno 2011 e per sostenere la delibera di iniziativa popolare per la trasformazione di SMAT in azienda speciale consortile di diritto pubblico, ha chiesto, con la Delibera del 19 febbraio 2014, che la nuova azienda venga costituita.


Al Presidente Sandro Plano, al Vice Presidente Baldassare Marceca e ai componenti dell'Organo Esecutivo che hanno approvato la delibera, va il nostro riconoscimento di aver rispettato la volontà popolare e di aver onorato il loro compito istituzionale di amministratori pubblici nell’interesse della collettività.

logo comitato

 

Forum italiano dei movimenti per l'acqua

Comitato Acqua Pubblica Torino

c/o Arci - Via Mantova 34 - 10153 Torino

www.acquapubblicatorino.org

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

logo obbedienza civile

 

Cresce il numero dei Comuni torinesi favorevoli alla Trasformazione di SMAT SPA in Azienda Speciale


 Provincia di Torino - Dopo i Comuni di Avigliana, Busano, Bussoleno, Chiomonte, Nichelino, Rivalta, Villar Dora, Villar Focchiardo, in questi giorni hanno approvato la delibera di trasformazione di SMAT SPA in Azienda Speciale consortile anche i Consigli comunali di San Didero, Torre Canavese e Venaus.

Altri Comuni seguiranno a breve.

Altri Comuni ancora, presa visione della nostra proposta di deliberazione,  hanno sospeso l'esame e approvazione della contro-delibera proposta dal Consiglio di Amministrazione di SMAT.

La soddisfazione per queste prime decisioni favorevoli alla ripubblicizzazione di SMAT è ancor maggiore per il fatto che finalmente - a oltre due anni dal Referendum -  i Consigli comunali cominciano ad occuparsi seriamente della proprietà e gestione dell'acqua, non delegano più ma esercitano direttamente i poteri di indirizzo e controllo sulle aziende partecipate, loro attribuiti dall'Art. 42 del Testo Unico Enti Locali, legge n. 267/2000.

Una riappropriazione democratica dell'istituzione comunale che l'ideologia liberista  vuole invece impoverire e svuotare ma che è premessa indispensabile per una futura gestione partecipativa dell' ACQUA BENE COMUNE.

Torino, 19 febbraio 2014


Logo Comitato

Forum italiano dei movimenti per l'acqua

Comitato provinciale Acqua Pubblica Torino

Via Mantova 34 - 10153 Torino

www.acquapubblicatorino.org

Tel. 388 8597492

 

 

 Il PD lascia la porta aperta alla privatizzazione di SMAT.


Il capogruppo PD in Provincia di Torino sta facendo circolare un Comunicato Stampa non veritiero.

Egli afferma infatti che la delibera recentemente approvata a maggioranza dal Consiglio provinciale garantisce che “nessun privato domani possa impossessarsi di Smat.”

Non è così !

Il solo modo di garantire la proprietà e la gestione pubblica dell’acqua lo hanno indicato 27 milioni di italiani nel Referendum del 12 e 13 giugno 2011: trasformare SMAT in Azienda Speciale consortile di diritto pubblico senza scopo di lucro.

Quella garanzia era contenuta nella proposta di deliberazione di iniziativa popolare promossa dal Comitato Acqua Pubblica Torino  sostenuta da oltre 11000 firma di cittadini di Torino e provincia.

Il capogruppo PD l’ha fatta bocciare e l’ha sostituita con la delibera da lui promossa che lascia la porta aperta ai privati per l’acquisto di azioni Smat.

Gli emendamenti allo Statuto di SMAT di cui dice di andare orgoglioso non blindano affatto la porta di  SMAT impedendo l’entrata dei privati nel suo pacchetto azionario.

L’emendamento sbandierato dal capogruppo PD porta dal 75% al 90% i voti necessari per far entrare i privati in SMAT quindi il 10% a loro favore è già oggi garantito.

Parecchi Consigli Comunali, coerenti con l’obiettivo di rispettare il voto referendario e impedire la privatizzazione di SMAT hanno già deliberato la trasformazione di SMAT SPA in Azienda Speciale consortile di diritto pubblico, come Busano, Nichelino, Rivalta, Villar Focchiardo, Villar Dora, Chiomonte, Avigliana. Altri seguiranno.

Torino, 14 febbraio 2014