20230203 locandina torino fin 580x820

 

LIBERTÀ È STARE ZITTI/E?

Venerdì 3 febbraio a Torino assemblea pubblica alla Fabbrica delle E

 

Di fronte alle manifestazioni del dissenso che in diversi ambiti si verificano, sempre più frequente è la reazione repressiva da parte di alcuni poteri dello Stato e non solo, sia con gli strumenti della forza sia con mezzi più morbidi, utilizzati in modo eccessivo o inappropriato, con lo scopo di zittire e criminalizzare le voci critiche e fuori dal coro. Come reagire a questa palese violazione dei principi garantiti dalla nostra Costituzione? A partire da questa domanda numerose realtà torinesi hanno organizzato un incontro pubblico di confronto alla Fabbrica delle E, in corso Trapani 91/b a Torino.

In occasione della manifestazione romana per il decennale del referendum sull’acqua, è stata comminata una multa di oltre 60.000€ per affissione abusiva, francamente sproporzionata rispetto alla violazione, tale da risultare vessatoria e repressiva. Poteva andare anche peggio: nessun attivista di Acqua Bene Comune è stato colpito da un Daspo, né ha visto violare il proprio domicilio da una perquisizione delle forze dell’ordine o è stato manganellato, indagato dalla magistratura, addirittura incarcerato. Molti altri invece sì: sta diventando la norma per gli studenti, i lavoratori o gli attivisti di movimenti sociali che si trovano in posizioni confliggenti con quelle dei poteri pubblici e che vengono colpiti da provvedimenti di inconcepibile durezza per atti che un tempo avremmo considerato normale confronto politico.

Eppure, manifestare in pubblico le proprie idee è un diritto tutelato dall’articolo 17 della Costituzione, così importante da poter essere compresso solo in casi eccezionalmente gravi e per un periodo di tempo limitato. Come si concilia con l’effetto intimidatorio delle nuove forme di repressione dato da multe, querele, risarcimenti da decine di migliaia di euro, fino ad arrivare a daspo e arresti per il solo fatto di avere presenziato a una manifestazione?

C’è chiaramente una scala nella gravità della risposta repressiva, ma è possibile identificare una matrice comune nei provvedimenti di natura pecuniaria e in quelli di natura penale?

Poiché i problemi per essere affrontati e risolti, vanno conosciuti e approfonditi nelle loro origini, è stato organizzato un momento di confronto e condivisione il 

3 febbraio 2022

Fabbrica delle E, Corso Trapani 91/b, Torino

apericena ore 19:30

dibattito ore 21:00 

 

Link Zoom per partecipare online: https://us02web.zoom.us/j/89734217242?pwd=QXZHQ3ZjRkN2L2wvcGQycS9oaW5VQT09

Diretta facebook nella pagina del Comitato Acqua Pubblica Torino

 

A promuovere l'iniziativa numerose realtà del territorio: Acmos, Anpi Grugliasco, Attac Torino, Comitato Acqua Pubblica Torino, Csoa Askatasuna, CUB, Extinction Rebellion, Fridays for Future, Incursioni Saporite, Mamme in piazza per la libertà di dissenso, NoTav, Si Cobas Torino, Ultima generazione

L’appello dei promotoriSe pensate che il dissenso, la critica e il conflitto non siano mali da cui preservare l’opinione pubblica ma la normalità di una democrazia sana, vi chiediamo di partecipare all’incontro, che sarà preceduto da un gustoso apericena dalle ore 19:30.